Ravello : Una terrazza tra le più belle al mondo

Ravello, la terrazza più bella del mondo
La cultura ha sempre svolto un ruolo fondamentale nella storia di questo piccolo comune che è stato un importante punto di ritrovo di importanti ed intellettuali .
L’accoglienza dei tanti visitatori è garantita da una moltitudine di strutture ricettive quali hotel, residence e bed & breakfast presenti sul territorio comunale, buona parte dei quali può vantare splendide viste panoramiche sulla Divina Costiera.Le terrazze di Villa Rufolo e Cimbrone, dalle quali è possibile ammirare un panorama mozzafiato, incantarono Greta Garbo e Wagner, in onore del quale, ogni anno, si svolge il Festival Internazionale di Musica, e per i tanti eventi musicali di richiamo internazionale, tra cui il Ravello Festival, che attirano in loco gli appassionati. che ha reso Ravello la città della musica in Costa di Amalfi. Paese silenzioso e chic, fu un fiorente centro di attività commerciali già tra l’XI ed il XII secolo. è un terrazzo proteso sul mare nei Monti Lattari, dal quale si gode uno scenario di bellezze naturali unico al mondo.
Dai suoi belvedere, in particolare quello dedicato alla Principessa del Piemonte, la Divina Costiera si presenta in una visione di sogno.
Cosa vedere a Ravello?
Il Duomo, in stile gotico domina la piazza ed è al centro di Ravello. Un vero e proprio “museo” ricco di tesori, caratteristico per il suo portale in bronzo realizzato a Costantinopoli nel 1170. Luogo suggestivo e maestoso, all’interno del quale si staglia un magnifico pulpito che da solo vale la visita. Da vedere assolutamente se siete a Ravello.
Giardini di Villa Cimbrone, magnifici e adornati di rare specie di piante, statue e fontane. I vialetti del giardino conducono al Belvedere, che culmina nella “Terrazza Verso l’Infinito” da dove poter ammirare la vista più spettacolare sulla Costiera Amalfitana.
Giardino di Villa Rufolo, “Il giardino dell’anima” incantò il compositore tedesco Wagner, che trovò in questi luoghi la materializzazione della sua immaginazione. Villa Rufolo fu edificata in Piazza Duomo nel 1200 dalla famiglia Rufolo, la più importante e potente famiglia di Ravello.
Auditorium Oscar Niemeyer che ospita famoso Ravello Festival, imperdibile per gli appassionati di musica classica.
La Chiesa di Sant’Angelo dell’Ospedale, a pochi passi dal Duomo. La Chiesa ha una particolare struttura, ricavata all’interno della roccia. È poco conosciuta ma vale la pena visitarla se volete scoprire i piccoli gioielli architettonici della Costiera.
La Chiesa dell’Annunziata è diventata l’immagine simbolo di Ravello, con le sue due cupole caratteristiche riportate in ogni cartolina o immagine della città. E’ un complesso monumentale che risale al 1200, dotato di un grande fascino architettonico e stilistico. L’ edificio sacro è preceduto da un portico d’ingresso che ha l’aspetto di una galleria, ricavata tra la roccia.
Chiesa di San Giovanni: d’epoca romanica, luogo dove si radunava la nobiltà di Ravello nel medioevo. L’edificio è ricco di decorazioni, dai colori sgargianti e magnifici. Se vi trovate a Ravello vi consigliamo di visitarla, soprattutto se siete amanti dell’arte perché vi emozionerà.
Se siete amanti del Trekking vi consigliamo: Il Sentiero degli Dei: percorso per chi ama fare trekking e perfetto per chi vuole ammirare gli spettacolari paesaggi offerti dalla Costiera. Giovanni Boccaccio, Decameron, Seconda Giornata, Quarta Novella

Posted In:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *